Il Punto Vita: Basso, Alto o Bilanciato | 1° Punto: La Forma del Corpo | WH, Cate?



Nello scorso post abbiamo iniziato a parlare di Proporzione Verticale, cioè il rapporto che vi è tra le singole parti del corpo con l’intero; ad esempio, il rapporto esistente tra la misura delle gambe e del busto, oppure la misura della sezione mediana del corpo con la misura della figura intera della persona.



Dalle molteplici combinazioni di queste misure scaturiscono le infinite varianti dei corpi umani. Non è tanto importante classificare queste varianti quanto capire la propria e come ovviare ad alcune sproporzioni abbastanza comuni.


Ancora, sempre nel post introduttivo sulla Proporzione Verticale abbiamo iniziato, anche, a parlare del rapporto esistente tra la parte inferiore del corpo e la parte superiore e alle sue tre possibili proporzioni; 




In questo post, invece, prenderemo in considerazione il Punto Vita e dove questo va naturalmente a posizionarsi sul busto.
Infatti, a seconda che sia più o meno collocato in alto rispetto la centralità del busto avremo un Punto Vita Alto o un Punto Vita Basso.



COSA SIGNIFICA PUNTO VITA BASSO O PUNTO VITA ALTO?

PUNTO VITA BASSO:
Vita Bassa significa che la distanza tra le tue spalle e il punto vita è più lungo della media.
Generalmente, ma non è la regola, la vita bassa si accompagna anche ad un’altra sproporzione, quella del Busto Lungo e Gambe Corte.

PUNTO VITA ALTO:
Vita Alta, al contrario, significa che la distanza tra le tue spalle e il punto vita è più breve del normale.
Generalmente questa caratteristica si accompagna alla sproporzione del Busto Corto e Gambe Lunghe.

PUNTO VITA BILANCIATO:
Se non rientri in nessuna delle due precedenti categorie, perciò la distanza tra le tue spalle e la vita è uguale alla distanza tra il punto vita e il cavallo, il tuo punto vita è bilanciato.




NOTA BENE: MA QUAL È IL PUNTO VITA
Il naturale punto vita di un corpo umano è rappresentato dalla parte del busto in cui la sua circonferenza è più stretta.



COME TROVARE IL PROPRIO NATURALE PUNTO VITA
- Mettersi, davanti uno specchio, in posizione diritta e leggermente posizionate di lato, vestite con dei capi aderenti oppure in reggiseno e slip.
- Non trattenere il respiro o tenere la pancia in dentro. Analizzare la figura, invece, subito dopo aver espirato e prima di inspirare nuovamente.
- A questo punto individuare il punto del busto più stretto. Quello è il vostro naturale punto vita.



COME IDENTIFICARE SE SI HA UN PUNTO VITA ALTO, BILANCIATO O BASSO?
Una volta individuato il punto vita dobbiamo capire che tipologia di punto vita si abbia.

Ci sono due approcci di conoscenza.

1) L’APPROCCIO METRICO
- Mettersi in posa, vestite con dei capi aderenti oppure in reggiseno e slip
- Con l’aiuto di un’altra persona, misurare la distanza tra le ascelle e il naturale punto vita, precedentemente identificato (1)
- Misurare la distanza tra il punto vita e il cavallo, cioè il punto in cui le gambe si divaricano (2)

Le diverse situazioni che si possono verificare:
- Se il tratto (1) è più lungo del tratto (2), si ha un Punto Vita Basso.

 
- Se il tratto (1) è più breve del tratto (2), si ha un Punto Vita Alto.


- Se il tratto (1) è uguale al tratto (2), si ha un Punto Vita Bilanciato.



2) L’APPROCCIO MANUALE
- Stare dritta, in piedi, dinanzi uno specchio, sempre vestite con capi aderenti o reggiseno e slip.
- Con i palmi rivolti verso il corpo, appoggiare entrambe le mani, una sopra l’altra, sul busto e misurare quante mani occorrono per coprire la distanza tra la parte sotto il seno e il naturale punto vita.

Le diverse situazioni che si possono verificare:
- Se la distanza tra sotto il seno e il punto vita misura meno di due palmi di mano si ha un Punto Vita Alto.


- Se la distanza tra sotto il seno e il punto vita misura più di due palmi di mano si ha un Punto Vita Basso.

- Se la distanza tra sotto il seno e il punto vita misura esattamente due palmi di mano si ha un Punto Vita Bilanciato.


VARIANTI DI PROPORZIONE VERTICALE
Se, ora, coordiniamo queste conoscenze sul punto vita con quelle apprese nello scorso post sulle diverse proporzioni tra il busto e le gambe avremo ulteriori varianti di figura femminile.  

Le diverse situazioni che si possono verificare:
PUNTO VITA ALTO – GAMBE LUNGHE
PUNTO VITA ALTO – GAMBE PROPORZIONATE
PUNTO VITA ALTO – GAMBE CORTE

PUNTO VITA BILANCIATO - GAMBE PROPORZIONATE

PUNTO VITA BASSO - GAMBE PROPORZIONATE
PUNTO VITA BASSO - GAMBE CORTE


OBIETTIVO
Anche per quanto riguarda i diversi punto vita l’obiettivo sarà quello di mantenere l’equilibrio visivo tra la parte superiore del busto e la parte inferiore.
Infatti, se si avrà un punto di vita alto il busto apparirà più corto del normale, conferendo l’idea di gambe troppo lunghe rispetto l’intera figura.
Al contrario se il punto di vita è basso il busto apparirà eccessivamente lungo, a discapito della lunghezza delle gambe.


Che tipologia di Punto Vita avete: Alto, Basso o Bilanciato?

xoxo 
M.Agatha

Altri post di cui potrebbe interessarti la lettura:

Nessun commento:

Posta un commento